Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
I nostri Video

























Apri Tutto Chiudi Tutto



Dopo quasi un secolo, el Mulin de Bronte ha di nuovo la "so bela roda".
Questa mattina i nostri volontari hanno completato l'assemblaggio della ruota; eccola ! Per noi è stata un'emozione rivedere" el mulin de la Marta  de nof co la so roda". Ora manca solo una "bela ploia" per farla girare, ma le prime prove fatte ci hanno dato grande soddisfazione. La ruota gira come un orologio di Pesaris...basta 'na soflada pa fala girà bel belo, thentha premura, come 'na volta. Il 2 maggio aspettiamo giovani, vecchi e canais per l'inaugurazione. Un ringraziamento di cuore ai due sponsors che ci hanno permesso la realizzazione di quest'opera: l'officina di lavorazione ferro battuto  di Alfredo e Mirco Zambon  Curadela di Dardago, che ha curato la progettazione e la realizzazione, e la ditta By Style, di Roberto Presotto, che ci ha fornito gratuitamente tutti i materiali prodotti nella propria moderna fabbrica di lavorazione lamiere a Cordenons. Grazie AMICI !  Chei del Ruial vi aspettano il 2 maggio all'inaugurazione.

Collaudata la roda del mulin de Bronte.
Grazie alla cortesia della Hydro Gea che ci ha "dato acqua" per una mezz'oretta, oggi abbiamo potuto vedere finalmente la ruota in funzione. Perfetta e bellissima; per tutti noi è stata una grande emozione vederla girare (dopo 80 anni). Anche due nipoti e la pronipote della Marta Bronte erano presenti, e per loro l'emozione è stata anche più intensa.... Il 2 maggio ci sarà l'inaugurazione ufficiale, ma nel frattempo speriamo che venga un pò di "ploia".

Apertura della stagione a Ciampore... Giornata bellissima e luminosa, anche se fresca. Niente di meglio per far venire centinaia di persone al parco giochi di Ciampore, che il Comune di Budoia ha dato in gestione (per il 2015) ai volontari del Comitato. Affluenza record con il parco strapieno di giovani (e non) ; ecco i "morosi" che armeggiano attorno ai BBQs con "brisiole e figadele", mentre le "morose" apparecchiano le tavole e i "canais che duia" sulle altalene e scivoli.
Un paio di settimane fa il parco era stato pulito e preparato dai nostri volontari assieme a moltissimi Americani... Per noi è una grande gioia vedere tutta questa gente in Val de Croda, nell'attesa del 2-3 maggio alla 2^ Festa del Ruial a Dardago.

Nuova passerella alla presa del Ruial. Si tratta di un "passaggio" molto pericoloso, dove el ruial esce allo scoperto (dopo aver percorso 150 metri all'interno della roccia); finalmente abbiamo in mano l'autorizzazione formale alla costruzione di una passerella che tolga "apprensione" ai molti camminatori che frequentano el troi del ruial. Ecco com'è il passaggio "critico", e la passerella provvisoria che abbiamo subito installato. Con il bel tempo inizieremo la costruzione della nuova passerella, come da fotomontaggio allegato, ma nel frattempo si può transitare in relativa sicurezza. Manco mal !

Abbiamo avuto il piacere di accompagnare un funzionario delle BelleArti al sito di Sant'Agnol. L'archeologo Luca Villa ci seguirà nel progetto di pulizia e recupero delle rovine della "glesiuta"; con la sua guida i nostri volontari potranno sicuramente effettuare i lavori necessari senza problemi burocratici, ma soprattutto senza commettere errori, ed imparare come approcciare un sito archeologico. Luca ci aiuterà anche nelle ricerche storiche che ci dovranno far conoscere le origini e la storia della nostra preziosa "glesiuta". E' una ghiotta opportunità per la nostra comunità e per noi tutti. Grazie Luca

"Duth i salmi i finis in gloria"...pranzo a Ciampore gentilmente offerto dai ristoratori de San Tomè:
- Ristorante Chalet Belvedere - Pizzeria Ciastelat - Ristorante Rifugio. Tutto molto apprezzato e gradito da Americani e indigeni. Le foto parlano da sole. Un "gustoso" grazie a Carlo & Giovanni, Gianpietro & Stefano, e a Marina & Manlio.

Manutenzione e pulizia area giochi Ciampore. Questa mattina, assieme ad un gruppo di amici americani (oltre una ventina) invitati dall'amico Scott, è stata fatta la pulizia e dato l'impregnante alle strutture del parco giochi. I legni ne avevano urgente bisogno e hanno "bevuto" l'impregnante come spugne, ma è stato proprio un bel lavoro. Ora il parco è in ordine per la nuova stagione, e anche i nostri volontari sono pronti ad occuparsi della sua gestione estiva...staròn a vede ! Grazie Scott, e grazie amici americani, good job!

Gli abitanti di Dardago sanno molto bene che quando non piove da almeno 15 giorni, l'acqua del Cunath scompare, e con essa anche l'acqua del ruial. La nuova dighetta costruita dalle Forestali aiuta un pò la situazione , ma comunque "se nol plof aga no ghe n'è"  e l'acqua non scorre. Ma dalla sorgente dei Agaroi (100 mt sotto lo Chalet) sgorga sempre dell'acqua, anche dopo due mesi di siccità, e pertanto i nostri volontari stanno posando un tubo corrugato che raccoglie l'acqua della sorgente e la porta alla presa del ruial. Siamo già a buon punto.

   

Corsi di conversazione "tandem" fra Italiani e Americani. Con il patrocinio dell'assessorato alla cultura del comune di Budoia, da oltre un mese una decina di Americani e altrettanti Italiani (di tutte le età) si incontrano nella sede delle scuole di Dardago per conversare alternativamente in Italiano e Inglese. La nostra brava volontaria prof. Gabriella Panizzut segue i gruppi dal punto di vista didattico, trasmettendo passione ed entusiasmo, a dimostrazione che si può dare un contributo anche senza "far malta e ramenà sass". Oltre al miglioramento reciproco della lingua, questa esperienza favorirà sicuramente una certa integrazione gli amici Americani nella nostra comunità. Ecco i nostri amici in classe mentre conversano animatamente e con grande impegno. Chi è interessato a partecipare può prendere contatto con El Comitato.

Stava diventando sempre più "un rui" impraticabile e quindi, alcune settimane fa, l'abbiamo sistemata grazie alla ruspa di Giorgio Borsoi, e ora con delle canalette di scolo acqua e ghiaia da cava. "Adess a l'è meio de cuan che i l'à fata", è stato il giudizio dell'amico Luciano...forse non è vero, ma sicuramente è meglio di com'era.

Ecco l'amico Claudio sul campanile : da parecchie settimane sta pulendo le scale che adesso sta impregnando con vernicie antitarlo e protettiva.



Sono iniziati i lavori di pulizia e preparazione in attesa dei permessi e progetti finali. Ecco il taglio della legna (come si vede, tutti i salmi finiscono in gloria) e una prima idea di come potrebbe essere ...recuperata ; sono solo prime idee, non ancora definitive, ma intanto cominciamo e immaginare come potrebbe essere. Lasciare le rovine così significa perderle per sempre (ora è un'edera che le tiene, ma appena si secca l'edera cade tutto). Un ringraziamento speciale alla signora Vincenza Ianna (la Cencia de Theco) per la sua generosa disponibilità di concedere la gestione della glesiuta alla parrocchia e alla comunità.



Ringraziamo tutti per la numerosissima presenza di soci, amici , sostenitori ed operatori economici alla nostra assemblea che ha approvato con grande entusiasmo ed energia il bilancio previsionale e i progetti per il 2015. Il verbale sarà presto disponibile e scaricabile dal sito dell'Artugna (www.artugna.it).
Grazie del sostegno che ci state dando.



Appena posizionate le panche al parchetto "Pinal" sono arrivati anche i primi turisti...o no? Mah...



Abbiamo trovato un altro sponsor generoso...la ditta BAUMER Edilimpianti di Porcia.
Il Sig, Giorgio Borsoi (titolare della Baumer) si è offerto di darci una grossa mano con la ruspa della sua ditta. Eccolo mentre ci sta aiutando al laghetto "Pinal" e a sistemare la stradina che porta al molin de Bronte e alle Masiere. Ci ha fatto un lavoro eccezionale. Ora la strada, che era diventata quasi impraticabile e oramai simile ad un "rui", ha cambiato completamente aspetto. Ora i volontari del Comitato faranno altri lavori di sistemazione (canalette di scolo acqua) e la strada sarà sistemata alla grande (a costo zero per la comunità). Un grazie di cuore da noi tutti alla Baumer e al suo titolare per la generosità.

 


Nel fare a tutti i soci, amici e sostenitori i migliori auguri di un Sereno 2015 vi alleghiamo alcune foto del canyon del torrente Cunath , appena sopra Dardago. (A volte cerchiamo "notte" chissà dove, mentre  abbiamo delle vere meraviglie dietro casa nostra)



Questa mattina, sfidando il "crudo" della giornata, abbiamo scovato questi due "sospetti" mentre stavano scavando furtivamente nel nuovo parchetto "PINAL"...subito abbiamo pensato ad una nuova "corsa dell'oro" su pa la Val de Croda", e invece abbiamo scoperto due del gruppo de Chei del Ruial che stavano riportando alla luce, dopo 50 anni, un nuovo tratto del ruial trovato qualche giorno fa da un altro dei nostri. Ecco le foto. Fra qualche settimana (o forse prima) ci sarà un bel tratto vecio de ruial visibile a tutti.

 






Oggi abbiamo fatto le prove della nuova "cascatina" che stiamo costruendo assieme al laghetto nell'area pic-nic "Pinal" alla Rosta. L'effetto (per noi) è stupendo e suggestivo...ecco la foto dell'allegra compagnia soddisfatta per il risultato. Stiamo costruendo anche una bella scalinata in pietre lavorate...ecco i nostri "scalpellini" al lavoro (Pierino e Luciano), soddisfatti anche loro. Ed infine una notturna di Davide con la sua ruspa (non voleva più tornare a casa ?).

   


...avanti con i lavori di costruzione del "laghetto"...
Il nostro amico e volontario del Comitato Davide Fedrigo, titolare della Fedrigo Scavi, all'opera con la sua ruspa per la posa in opera dei tubi di scarico acque dal laghetto all'Artugna Come suo contributo "volontario" ai lavori del Comitato, Davide ci ha eseguito vari lavori con la sua ruspa (e non vuole farlo sapere), e noi sinceramente non sappiamo come ringraziarlo per questa sua preziosa generosità. Grazie veramente Davide, da parte di tutti ! Dobbiamo riconoscere che la risposta di ditte e persone che stanno offrendo e collaborando con il Comitato è stata incredibile, inaspettata e crescente. l'Italia è in fondo ancora "sana" , e gli italiani sono meglio di quello che leggiamo sui giornali.



Alcuni assessori e consiglieri della comunità di Sallertaine, accompagnati anche da responsabili di altre associazioni culturali e di promozione turistica, sono venuti in visita a Budoia. Il rapporto fra le nostre due comunità è iniziato 10 anni fa, grazie ai danzerini dell'Artugna e ad altre iniziative culturali di interesse reciproco sviluppate dalle amministrazioni comunali di allora.Sallertaine è una comunità di circa 3.000 persone vicina a Nantes, sulla costa atlantica, e da 10 anni ha dei rapporti stretti con la nostra comunità.Sono stati accolti dal sindaco ed altri assessori, ed accompagnati a conoscere le molte cose interessanti che può offrire il nostro territorio; particolare interesse è stato rivolto alla chiesa di San Martino, in quanto il loro santo patrono è "Saint Martin", ma hanno apprezzato moltissimo anche il museo dei funghi e la vecchia latteria, la chiesa di Dardago, il Ruial restaurato, la chiesa di San Tomè e la meraviglia della Val de Croda in generale (loro non hanno montagne vicine).Apprezzatissima la polenta bio, il cotechino ed i salumi dell'azienda agricola di Roberto e Cristina Andreazza (ORTOGOLOSO), i formaggi di Mauro del bar Bianco, e le sue malghe in Cansiglio.Ci hanno invitato a Sallertaine, ma han detto che vogliono tornare presto a trovarci. L'amministrazioe comunale e le associazioni del comune hanno organizzato una simpatica cerimonia di saluto agli amici francesi, che hanno gradito l'ospitalità offerta e le belle cose viste da noi, e si sono ripromessi di tornare a trovarci. Au revoir et à bientôt.



20 Novembre : Hydrogea mette in sicurezza il tubo de la Rosta. Come promesso, approfittando del calo "de la montana", oggi i tecnici dell'Hydrogea si sono messi all'opera per cambiare i tiranti e le flange del vecchio tubo e montare quelli in acciaio Inox che dureranno secoli...proprio un bel lavoro. Abbiamo ancora molti altri lavori in mente, e speriamo di trovare altre società con la sensibilità dell'Hydrogea ...chissà ! Comunque, un grazie sincero da parte di tutti alla Hydrogea e alla sua direzione per il generoso aiuto. Logicamente siete nostri graditi ospiti alla 2a Festa del Ruial (maggio 2015)



Col bel temp son tornadi là de la Rosta... e sono ripresi i lavori di preparazione dell'area pic-nic "Pinal" ; ecco la pulizia (taglio legna e arbusti vari) nell'alveo del futuro "laghetto"... per la 2a Festa del Ruial dovrà essere tutto pronto (anche la fontana e le panchine) e quindi "fortha e corajo fioi" !



26 settembre 2014 - Scolaresca in visita sul Ruial
28 settembre 2014 - Gli amici di Aruotalibera di Pordenone accompagnati dal presidente Attilio Pellarini


Siglata la convenzione per l'accesso e utilizzo del 'Molin de Bronte'
La famiglia Zallot/Miotto, proprietaria del "Molin de Bronte", riconoscente per i lavori di ripristino e pulizia eseguiti dal Comitato sul tratto del ruial all'interno della loro proprietà, ha offerto la possibilità di visita del molino stesso e dell'area adiacente, a gruppi di persone e scolaresche accompagnate da volontari del comitato. Il Comitato potrà anche utilizzare l'area del "Molin de Bronte" per organizzare eventi e feste popolari. In occasione della 2a Festa del Ruial (prevista per il 2-3 maggio 2015) verrà inaugurata anche la nuova ruota del molino, che sarà costruita dai nostri amici Alfredo Zambon Curadela e il figlio Mirco, veri maestri del ferro battuto.Il Comitato del Ruial ringrazia sentitamente Stefania Miotto, il marito Enrico Zallot e le figlie Ludovica e Camilla per la disponibilità dimostrata, e li aspetta alla festa d'inaugurazione a maggio. Un ringraziamento anche ai Geom. Vanni Quaia e Giacomo Del Maschio per il loro valido supporto a questo accordo. Ecco le foto della sigla della convenzione presso l'Ufficio Tecnico Comunale.



Cena dei collaboratori delle associazioni dardaghesi
A dimostrazione che sanno "fare sistema divertendosi", i volontari delle 6 associazioni dardaghesi si sono ritrovati nelle "scole vecie de Dardac" a gustare lo spezzatino di cervo (generosamente offerto dagli amici cacciatori Omero e Toni e preparato dagli chefs Arnaldo e Omero) servito assieme a una deliziosa polentina, costicine di cervo, spezzatino e salsiccette alla griglia, più dolcetti vari e il tutto annaffiato da vinelli di varie provenienze ecc... Ottimo il menù, simpatica e allegra la compagnia e "plens de programi pal futuro"... e adess tornòn a ramenà sass e fa malta pa smaltì. Prima di Natale invitiamo tutti nuovamente a "magnà el panetòn e beve un proseco pa fasse i auguri".



Montana... e la diga tiene alla grande
Siamo andati a vedere com'era la nostra "dighetta" con la "montana", anzi, co un montanòn...eccola ! Oggi di acqua nel Ruial ce n'è "avonde", ancia massa. Foto con e senza Montana



Lavori di preparazione area pic-nic 'Pinal' là de la Rosta
Approfittando della splendida giornata, oggi c'era un grande fermento là de la Rosta. Ecco la nostra "impresa Fanfani" all'opera "co trators, motoseghe e mathe". Un grazie ai nostri amici Mauro Zambon Thuciat Tavan e Mauro Giannelli che ci hanno effettuato "dei carighi de sass" fino a Sant'Agnol (poi faremo vedere le foto di Sant'Agnol), e della gradita visita del nostro amico "francais" Aristide che ci ha dato una mano a tagliare la legna.

 


Fine dei lavori diga sul Cunath
I lavori di costruzione della piccola diga e messa in sicurezza degli argini stanno per essere completati. Ecco gli amici del "Servizio Regionale Manutenzioni del Territorio Montano" che hanno effettuato questo importante intervento di consolidamento degli argini del Cunath ; il tratto di Ruial che era stato inserito nella roccia si trovava in una situazione di grande precarietà, e rischiava di venir travolto irrimediabilmente da una prossima piena del torrente. Grazie "ragazzotti" del bel lavoro che avete fatto: ve spetòn a beve un'ombra insieme !



Davide Fedrigo all'opera con la sua ruspa alla 'ROSTA'
Ecco il nostro amico Davide Fedrigo (titolare della Fedrigo Scavi), che con la sua ruspa ci sta dando una grossa mano a costruire e ricostruire la "murada de la Rosta"; anche in questo caso, come già ha fatto altre volte durante i lavori lungo il Ruial, Davide "sponsorizza" il Comitato del Ruial mettendo a disposizione la sua ruspa gratuitamente.
"Nealtre no podòn che ringrathialo de cuor e ofrighe un'ombra de chel bon". Bravo Davide !
Dobbiamo riconoscere che stiamo ricevendo una risposta incredibile da parte di molte persone (privati,operatori commerciali, professionisti e anche aziende) che in qualche modo danno un loro contributo ai progetti del Ruial, segno che i lavori che molti volontari stanno facendo trovano apprezzamento da parte della stragrande maggioranza dei nostri compaesani. Un grazie di cuore a tutti, e sarà nostro impegno dare il giusto riconoscimento a tutte queste persone quando faremo la 2a Festa del Ruial (nella prossima primavera).


E perchè no... sistemazione aiuola del "ruial" in piazza a Dardago
Oggi ci siamo spostati in piazza, dove abbiamo posato uno strato di sassetti (ovviamente traccolti nell'Artugna) che sostituiscono l'erba dell'aiuola (difficile da mantenere sempre ben rasata e pulita dalle cartacce) ...ma già la prossima settimana ritorneremo sul Ruial, alla Rosta cominceremo i lavori per creare la nuova area pic-nic "Pinal".
Approfittiamo per ringraziare la famiglia Pinal (gli eredi di Costante, Angelo, Luigia e Seno) per averci generosamente offerto la gestione del terreno a ridosso dell'Artugna dove faremo la nuova area con parcheggio, fontana in sassi (con l'acqua del ruial), laghetto/vasca antiincendio, panchine in pietra e un pò di fiori.


Molin de Bronte.
Oggi, dopo una decina di giornate di lavoro, abbiamo finalmente rimesso un pò in ordine il tratto del ruial all'interno del molin de Bronte: mancavano 10 metri di canalette (sostituite da tubi in amianto) e le vasche in pietra erano in uno stato pietoso, e poi tutto il resto da sistemare. Ecco com'era....
       
Molin de Bronte ora...è tutta un'altra musica !
Da osservare in particolare la grata in pietra scolpita (1669), un vero capolavoro dei nostre veci !


Camminata sul Ruial con gli amici della Casa del Volontario di Sacile
Ecco le foto dello splendido gruppo di volontari di Sacile, accompagnati dalla presidente Mara Pasin e dai volontari del Comitato Roberto, Rita, Ezio e Arnaldo. Una bellissima camminata con una gioiosa compagnia.
 


Ogni tanto una bella notizia (anche in Italia) Qualche mese fa avevamo denunciato lo stato di precarietà nel quale si trova lo storico (1918) tubo del Ruial che attraversa l'Artugna in località "La Rosta" (come si può vedere nelle foto). La maggior parte dei centenari tiranti in acciao si è staccata e il tubo potrebbe cadere sull'Artugna da un momento all'altro (abbiamo chiuso l'acqua per non appesantirlo). Oltre all'Ufficio Tecnico Comunale, avevamo contattato anche la Hydro Gea (la società che gestisce i servizi di trattamento e distribuzione idrica in provincia, e anche nel comune di Budoia), la quale ci ha da subito dichiarato la propria disponibilità a contribuire alla soluzione di questo delicato problema. Sono seguiti vari contatti fra HydroGea, Ufficio Tecnico Comunale e il Comitato per un esame approfondito del progetto di restauro del Tubo, verifiche tecniche e progettuali e autorizzazioni varie. "E' con nostra viva e vibrante soddisfazione" , e anche grande gratitudine, che riceviamo la comunicazione da parte della direzione della Hydro Gea che la società ha deciso assumersi l'onere totale del restauro del Tubo: calcoli strutturali, materiali, montaggio, sicurezza, collaudo e certificazione. Entro pochi giorni "el nostre vecio tubo de la Rosta al tornarà come nof" , rimesso in sicurezza per qualche altro secolo. Questo è un bel esempio, positivo, di collaborazione fra l'amministrazione, le aziende e i cittadini; se si "fa sistema" anche in Italia le cose possono funzionare, rapidamente e senza burocrazia. Il Comitato ringrazia sinceramente la Hydro Gea per la sensibilità e generosità dimostrate, e l'Ufficio Tecnico Comunale per la collaborazione professionale. Allegata foto dell'incontro odierno alla Rosta, assieme all'ing. Mauro Trevisan (direttore HydroGea) e collaboratori, il geom. Gianpaolo Gava dell'Ufficio Tecnico Comunale, e volontari del Comitato.
 






Sistemazione del passaggio all'entrata del Ruial : era un punto pericoloso e oggi è stato messo in sicurezza per consentire il transito di tutti. Qui siamo all'imbocco del ruial (dove esce allo scoperto) e all'inizio del tratto del "Cunath" , che è la parte di torrente dove si raccolgono le acque di tutta la Val de Croda. Il Cunath è uno dei luoghi più interessanti, suggestivi e selvaggi di tutta la vallata (da vedere assolutamente). A luglio il Corpo Forestale, aiutato dai volontari del Comitato, inizierà i lavori di costruzione della nuova diga per assicurare un flusso costante di acqua al ruial. La vecchia diga costruita dai nostri avi è stata distrutta dalle ondate di piena del torrente. Verranno anche rafforzati gli argini dove la piena del torrente ha messo a nudo le canalette del ruial inserite nella roccia (vedi foto). I volontari del Comitato hanno anche sistemato un tratto nuovo di "troi" (sentiero) per scendere sul Cunath nella zona dove verrà costruita la diga ; l'imbocco del sentiero è a 50 metri sopra il sentiero della presa (poco sopra il ristorante Rifugio). Andate a fare una visita che ne vale la pena.
 


Anche questo sentiero è stato ripristinato dal Comitato del Ruial di San Tomè; completato il tratto di collegamento tra la parte nord e la parte sud, nonchè la 'zona archeologica'. E' un sentiero di breve percorrenza ma molto interessante. Partendo dall'area ricreativa di 'Ciampore' ,e seguendo la strada bianca davanti all'entrata, dopo circa una cinquantina di metri troveremo alla nostra sinistra l'inizio del sentiero. In circa una diecina di minuti di camminata si raggiunge il sito archeologico del Ciastelat dove ci sono i resti di una fortezza del X° secolo d.c. Alcuni anni fa sul luogo è stato eseguito un rilievo topografico molto dettagliato, ed un sondaggio archeologico, che hanno messo in luce tutte le peculiarità di questo antico sito databile appunto a circa il X° secolo. Il rilevo ha evidenziato in modo inequivocabile come fosse stata costruita la 'fortezza', che era rappresentata da una serie di terrapieni costituiti da palizzate in legno riempite di terra e sassi; completava l'opera una serie di fossati atti alla dissuasione e che enfatizzavano il terrapieno stesso. Il sondaggio archeologico, seppur parziale, perchè eseguito solo su due cinte, ha stabilito che il sito è una delle più antiche fortezze de Friuli dell’epoca. Con il passare del tempo il legno, che costituiva le pareti dei terrapieni, si è marcito così il materiale contenuto è franato. Ancor oggi si possono notare qua e là cumuli di sassi coperti da terra - da non confondere con i muri a secco realizzati circa dai 100 ai 150 anni fa che indicavano i confini tra le varie proprietà.
Proseguendo oltre la fortezza, in circa cinque minuti si raggiunge il 'Belvedere' limitato da una panchina in legno, da questo punto la vista è libera a 360°; a Nord la 'ValGrande', davanti il Belvedere è visibile una Azienda Agricola ed il Mulin de Bronte alimentato dal Ruial, ad est il Col Sant'Angelo con i ruderi della “glesiuta” ; a destra la vista si apre sulla pianura e sul centro abitato di Dardago.
Proseguendo ancora oltre il 'Belvedere' inizia la discesa che ci condurrà ad un bivio, diritto si raggiungerà la vicina pizzeria Ciastelat, invece a sinistra è possibile percorrere un sentiero con vari tornati che in cinque minuti ci farà raggiungere la strada asfaltata che da Dardago sale alla valle di San Tomè; alla fine del sentiero prima dell'asfalto è collocato il cippo che indica l'inizio del sentiero per il Cistelat dal lato Sud.


Continua senza sosta il lavoro dei volontari de "Chei del Ruial", e anche "el troi de la presa" del ruial è stato completato (allargato e messo in sicurezza con palizzate). Da sopra il parcheggio del ristorante "Rifugio" (di Manlio Signora) a Val de Croda si scende sul "Cunath" , lo si attraversa sopra la cascata e sulla sponda sinistra esce el ruial che inizia la sua discesa verso valle. Dalla cascata si ammira una splendida "busa de aga" sottostante, e si sente il gorgheggio dell'acqua del ruial che sgorga dalla canaletta inserita nella roccia dai "nostre veci" 350 anni fa.
L'altro giorno abbiamo accompagnato un nostro compaesano di oltre 80 anni (con qualche problema di ambulazione) che è sceso, senza alcuna difficoltà, lungo il nuovo sentiero in quanto ci aveva confessato, come forse molti altri Dardaghesi, di non aver mai visto la presa del ruial; ora, grazie a questo facile e agevole "troi" non avranno più nessuna scusa per non andarci.


 


In cucina il famoso chef "Arnaldo Caporal" , aiutato dal "fachin de cusina" Tino Ite, e il servizio in sala con maitres de-lux super professionali (Davide, Brunetto, Giordano, Giorgio e altri). Sfiziosissimi  gli antipasti preparati dalla Sara del  "Vecchio Borgo" di Santa Lucia, eccellente il risotto col "pesse" e polentina a la "venessiana", abbondanti e graditissimi (sublimati tutti) i dolcetti preparati dalle signore, il tutto annaffiato dai prosecchi provenienti dalle cantine dei volontari.  E' stata proprio una bella serata...da ripetere sicuramente. Alla prossima!




Oggi è stata posata l'ultima canaletta e completato il collegamento mancante sopra la cava "de Perer"
Ecco le foto scattate oggi :
- l'amico Angelo "milanes" (Dardaghese di adozione in quanto ha sposato la Anna de Trantheot) che posa le pietre sul ruial.
- Luciano e Pierino che stanno per posare l'ultima canaletta.
- Brindisi di soddisfazione per el Ruial finalmente "ricompletato" dopo 50 anni.
- Foto ricordo dei volontari , con don Maurizio, ai piedi della cascata de Perer.
Proprio una bela dornada! Nealtre son anbithiosi del lavoro fat.
Ecc.- ...











Giovedi scorso 12 dicembre ci siamo ritrovati in una settantina alla pizzeria Ciastelat: è' stata una serata piacevole in compagnia, durante la quale il comitato direttivo ha fatto il punto dei lavori svolti, quelli già programmati per il 2014 e proposte per il futuro (da decidere  e inquadrare meglio nei dettagli).
Il fatto più importante è che in soli 3 mesi tutta la tratta esistente del "Ruial" è stata sistemata e messa in sicurezza completamente,  scongiurando quindi il pericolo di un degrado irrecuperabile. Questo è vero motivo di orgoglio per tutti quei volontari che in questi mesi hanno collaborato a vario titolo alle attività, a dimostrazione che tutti insieme (anche in Italia, e anche a Dardago) si fa "sistema", con dei risultati incredibili; quando invece ci sono contrapposizioni sterili (personali, politiche, religiose o altro) si crea solo distruzione, come purtroppo invece vediamo tutti i giorni (e non aggiungiamo altro...).Alleghiamo la relazione presentata  in assemblea.
Ha partecipato anche l'amministrazione comunale (sindaco, vicesindaco e ufficio tecnico responsabile della direzione lavori), ed il vicesindaco ha spiegato il progetto "Liquentia" grazie al quale sono stati recuperati i fondi per il recupero del Ruial e sviluppo del territorio, e ringraziato il Comitato; anche il parroco don Maurizio ha espresso soddisfazione per questa iniziativa che dimostra che finalmente anche a Dardago si muove qualcosa che fa vivere il paese e contribuisce alla qualità della vita di tutti; Katia Gavagnin, l'archeologa che ha partecipato a "Che tempo che fa"  recentemente, e che ha spiegato le sue ragioni per aver scelto di stabilirsi a Dardago con il suo compagno : "ambiente sano, clima secco, territorio ideale per gli amanti della natura e case storiche a misura delle persone"; Roberto Pinal Bavan (direttore del periodico Artugna) ha presentato uno studio storico, sull'origine del Ruial, che verrà pubblicato sull'Artugna di Natale.
L'assemblea ha votato all'unanimità la proposta di portare a 14 i componenti del consiglio direttivo e  la nomina di cinque giovani nello stesso; l'ingresso di questi "giovanissimi" è un segnale forte che darà stabilità e continuità alle iniziative del Comitato.
Sono state raccolte le sottoscrizioni dei soci per il 2014, stabilendo una quota associativa di 10 euro. Ai soci 2014 è stata consegnata una copia della stampa storica numerata con la "Supplica del 1775 alla Serenissima" : a questo proposito si invitano tutti i soci del 2013 e nuovi soci a richiedere l'iscrizione per il 2014, ricevendo in cambio la suddetta stampa.
L'iscrizione potrà essere richiesta direttamente ad uno dei ben conosciuti componenti del comitato direttivo (versando il contributo di 10 euro) , o anche richiedendola per email a comitatoruiasantome@libero.it : vi risponderemo comunicandovi il nr. di tessera, mentre la stampa ve la consegneremo brevi-manu  quando passerete per Dardago (soprattutto per i residenti fuori paese).
A riconoscimento del loro particolare contributo e collaborazione al Comitato del Ruial, sono state consegnate cinque tessere onorarie a:
1 - Sergio Carlon (presidente onorario)
2 - Comune di Budoia
3 - Parrocchia
4 - Luciano Zambon Tarabin
5 - Arnaldo Busetti Caporal
Un grazie a tutti per la bella serata e la collaborazione e ricordiamoci.......

Nell' area download trovere la relazione di fine anno e il bilancio del 2013


Instancabili:dopo aver finito (temporaneamente) con la malta sul Ruial, i nostri volontari si sono spostati sul "troi dei agaroi"...eccoli impegnati ad allargare il sentiero e metterlo in sicurezza per consentire il transito anche di scolaresche a visitare la sorgente dei agaroi, dove si può bere un'acqua purissima che scende dalla Val Granda e sgorga dalle rocce.La sorgente dei "Agaroi" si trova proprio sotto lo Chalet Belvedere (100 metri sotto inizia il sentiero).Andate a provare l'acqua meravigliosa della Val Granda...è gratis!!!!


BUDOIA Consiglio comunale
Sito Ruial-S.Tomè sarà recuperato con fondi europei

BUDOIA - (ms) I lavori di sistemazione del sito Ruial S. Tomè-Mulin de Bronte, sono approdati in consiglio comunale, attraverso un’interrogazione presentata dal consigliere della Lega Nord, Fernando Del Maschio. «Avendo avuto notizia di un progetto per la sistemazione dell'area in questione - ha sottolineato il consigliere - che prevede la realizzazione di nuove opere in sostituzione di quelle sepolte dal materiale di risulta della cava abbandonata e visto che tale sito riveste importanza storica rilevante dato che potrebbe trattarsi di un sistema difensivo di epoca romana ho chiesto se è stata esaminata la proposta di un recupero della parte sepolta e come mai invece si è scelto di operare con nuove opere. Vorrei anche precisare che tutti i consiglieri di minoranza preferirebbero il recupero dell'esistente». «I lavori di ripristino - ha risposto il sindaco Roberto De Marchi - rientrano nel progetto Liquentia, rispettoso dell'importanza storica dei luoghi e finanziato con fondi europei al quale noi aderiamo con il Comune di Polcenigo, che è capofila del progetto stesso». Ha aggiunto che ci sarebbe qualche cosa da obiettare sulle precedenti autorizzazioni che sono state rilasciate nel tempo, per insediare proprio in quest'area una attività estrattiva. «Ho fatto chiudere la cava nel '75 quando ero sindaco - ha replicato il consigliere Del Maschio - abbiamo lottato per non farla riaprire e ci siamo riusciti». A questo punto è intervenuto il vicesindaco Pietro Ianna, dicendo che «il finanziamento europeo copre l'esecuzione di opere e non lo spostamento di materiale con l'aggravante che fermeremmo un progetto che deve essere rendicontato entro la primavera del 2014; inoltre spostare il materiale depositato ci costerebbe ben 40mila euro, contro i 18mila per realizzare la nuova canaletta, senza dimenticare che poi dovremmo affrontare ulteriori spese per ripristinare l'area della cava dismessa, con il problema di reperire le risorse a bilancio».
Martedì 3 Dicembre 2013,


Curiosità: Abbiamo avuto anche la visita di 2 cacciatori con 3 cani che si sono dissetati nella canaletta del ruial


Completamento lavori recupero del Ruial esistente

Ci eravamo dati l'obiettivo di completare entro fine novembre i lavori di consolidamento e recupero dei tratti di Ruial esistenti :   

OBIETTIVO RAGGIUNTO !!! 
Oggi abbiamo "fugato" le ultime pietre. Ora il Ruial è di nuovo come era una volta...abbiamo anche sostituito le grondaie provvisorie che erano state piazzate dove mancavano le canalette di pietra, asportate  nel corso degli anni, con le canalette che ci hanno offerto generosamente alcuni nostri compaesani (queste invece sono canalette recuperate lecitamente nei tratti dismessi o trovate nelle  discariche).
Passiamo ora alla seconda fase, che prevede una nuova diga, nella zona della presa del Ruial, e messa in opera di un tratto di 150 metri di nuove canalette, sempre in pietra, sopra la discarica della cava di "Perer", dove un ramo importante del Ruial è stato coperto con detriti e pietre della cava.
Non siamo particolarmente entusiasti di questa soluzione, in quanto avremmo tutti preferito recuperare il Ruial originale, ma tecnicamente, economicamente e anche paesaggisticamente è poco realizzabile...peccato, ma speriamo almeno che questa sia una lezione ed un monito per tutti per il futuro, e che aiuti cittadini e amministratori a non commettere più errori simili.
Noi del Comitato del Ruial saremo particolarmente  vigili che l'ambiente, il territorio, la storia e la salute dei cittadini siano comunque e sempre una priorità non negoziabili.
     
Chei del Ruial

Continua la fugatura delle pietre, ci troviamo nella zona alta del ruial vicino alla briglia, di fronte al ristorante 'Rifugio'. Con altre 2 sedute di lavoro completeremo la fugatura.



Articolo sul Ruial della rivista 'Notizie Piancavallo e Dolomiti Friulane' di Novembre 2013



Qualche settimana fa avevamo lanciato un appello ai nostri compaesani, che avevano recuperato pezzi di Ruial quando la canaletta era stata smantellata nel suo percorso in paese ; la risposta è prontamente arrivata : ci sono state "offerte" volontariamente quasi 30 metri di canalette, che oggi abbiamo posizionato nei tratti dove mancavano (a monte del Molin de Bronte). I dardaghesi sono persone riservate, ma che confermano sempre la loro generosità e un forte spirito di collettività : un grande GRAZIE a duth ,  da Chei del Ruial !  Grazie anche a queste persone, in primavera del prossimo anno, contiamo di completare il recupero e ripristino di tutto lo storico prezioso manufatto, col quale tutti i dardaghesi hanno un legame sentimentale particolare: i più vecchi vi hanno forse abbeverato le bestie, mentre quelli della generazione del dopoguerra hanno fatto i "trup" e le "sbrisade".



Continua il recupero dei pezzi di ruial nelle varie famiglie , il comitato ringrazia gentilmente tutte le persone che si sono rese disponibili a concedere queste pietre


Dopo 60 anni di esilio fuori del comune di Budoia, con un gruppo di volontari abbiamo recuperato circa 7 metri del vecchio ruial, concessi da una signora di Dardago che abita a Villotta di Aviano, che nel giardino di casa facevano da fioraia. Sono stati riportati nella zona del mulino, dove attualmente esiste una canalina di lamiera, nel breve verranno collocate nel posto che meritano. Si è avuta la sensazione che le pietre dopo averle posizionate sul posto, hanno ripreso la loro colorazione e vivacità, come un emigrante che dopo tanti anni ritorna nel suo paese di origine















FACCIAMO SISTEMA !!!!! UNITI e DETERMINATI
POSSIAMO FARE GRANDI COSE ASSIEME ....
SERENAMENTE, DIVERTENDOCI !!!!!!!

Buongiorno a tutti.
all'incontro del Comitato di ieri sera hanno partecipato una quarantina di sostenitori, il vice-sindaco di Polcenigo Antonio Del Fiol, il vice-sindaco di Budoia Piero Ianna, il presidente ed ex-presidente della Proloco Budoia Poletto e Baracchini, a dimostrazione del grande interesse per questa iniziativa.

1 - Il vice-sindaco Piero Ianna ha illustrato il piano di sviluppo turistico per il Comune, del quale anche il progetto del Ruial de San Tomè è una parte importante assieme a:
- la fattoria didattica Andreazza
- la Latteria di Budoia (con annesso museo contadino)
- il teatro di Dardago, inserito nella cellula dell'ecomuseo
- la chiesetta di San Tomè del 13° secolo e l'annessa palestra di roccia
- il parco giochi di Ciampore
- l'insediamento di Longiarethe
- la Casera "Ciamp"
- i numerosi percorsi cicloturistici pedemontani recuperati e classificati nel corso degli anni dalla Proloco e dagli Alpini
- senza dimenticare la oramai famosa e consolidata Festa dei Funghi, che ha raggiunto oramai una rilevanza nazionale.

Il Comune ha reperito fondi regionali per 60.000 euro nell'ambitodel progetto "Liquentia/Montagna Leader" portato avanti assieme al Comune di Polcenigo ; 50.000 euro dei suddetti 60.000 sono destinati a Budoia.
In particolare 30.000 euro sono per acquisti dei materiali necessari al ripristino e recupero del Ruial, e gli altri 20.000 euro peril finanziamento del progetto MyBudoiariguardante la promozione turistico-culturale della Pedemontana con l'ausilio di strumenti multimediali e internet, con  zone WI-FI gratuite, video on-line, cartelli QR Code e molto altro etc...., il tutto inserito in una offerta di ospitalità locale che ha raggiunto il centinaio di posti letto, fra B&B, alberghi e locande, oltre a vari ristoranti e agriturismo.

Il Comune ha assicurato la massima attenzione e supporto alle iniziative del Comitato non solo per il recupero del Ruial, ma anche per altri progetti futuri che verrano individuati e decisi assieme.
Anche il vice-sindaco Del Fiol ha rimarcato la necessità che i Comuni pedemontani si uniscano e facciano sistema, come avviene nel Trentino A.Adige, per massimizzare le risorse e gli investimenti.

2 - Andando sull'operativo, ora ci sono due scadenze importanti: la prima è quella del 20 settembre, giorno in cui sono previste le riprese del video sul Ruial; per tale data è indispensabile completare alcuni lavori di ripristino, e quindi bisognerà fare uno sforzo da parte dei volontari per pulizie etcc...per le prossime due settimane sono richiesti almeno 8-10 volontari (due squadre da 4-5 persone) per sabato 7 settembre (ore 9.00 presso el mulin de Bronte), e sabato 14 settembre (9.00 sempre al molin de Bronte)...
Prego dare disponibilità x email per organizzare o contattare Gigi basso e Luciano tarabin che gestiranno i vari cantieri assieme a Sergio Carlon ed altri esperti di queste attività.

I lavori di ripristino del Ruial dovranno essere completati (o almeno aver acquistato tutti i materiali) entro il 30 aprile 2014, per cui anche durante la primavera dovremo prevedere vari cantieri (che verranno pianificati a tempo debito).

Quanto prima verrà preparata una lista dei lavori con priorità e cronogramma, che verrà distribuita ai volontari.

3 - Il sito dell'Artugna, con Facebook e Twitter, saranno il nostro veicolo ufficiale di comunicazione e informazione : Gigi, Roberto e Flavio saranno i nostri validi "promotori" e li ringraziamo.....se qualcuno ha foto, dati o altro da far pubblicare, li mandi a  info@artungna.it, o contatti i suddetti amici.

4 - Si manterranno stretti contatti con Proloco Budoia , ANA e le altre associazioni per l'organizzazione di eventi e manifestazioni promozionali; anche con Polcenigo (che sarà un nostro partner privilegiato) si terranno costanti contatti tramite il Comune.

Infine, un caloroso ringraziamento a tutti quei volontari, Proloco, ANA e gente comune che hanno assicurato per anni  la manutenzione, recupero e valorizzazione dell'ambiente , e la cui determinazione ha reso possibile questo progetto (si tralasciano i nomi per non dimenticare qualcuno).

 
El Comitato del Ruial de San Tomè
       




Apri Tutto Chiudi Tutto









































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































































Loading