Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
       

Dopo cuasi cuarĂ nta Ă ni ‘l è stat restaurĂ t ‘l altaròl de ‘l crist de San Tomè. ‘L altaròl ‘l era stat fat da Giovanni Bastianello Codif te i Ă ni de i primi restauri de la glesiĂąta, i ‘l aveva metĂąt propio sora l’ultima curva prima de la glesia in modo che chi che rivava lassĂą i se lo ciatĂ va subito davanti.’L altaròl ‘l era fat de ciastegnèr come chei che i usa te’l Trentìn ma el crist ‘l era in corda, dopo tanti Ă ins a le intenperie el lenĉ ‘l aveva tacĂ t a marthisse, alora ‘l è stat pensĂ t de intervigne prima che la situathiĂłn la pegiorĂ ss.
’L è stat giavĂ t da unlì e portĂ t a sistemĂ  da ‘l nostre conpaesĂ n Rafaele Momoleti, ma cuan che ‘l Ă  tacĂ t a remenĂ lo se Ă  capìt che ormai par lui no  ‘l era pì nient da fa, le intenperie le aveva fat ‘l so lavoro: ‘l era marth; suito ‘l è stat clamĂ t i nevòdi de Giovanni e lor i Ă  deciso de tornalo a fa come prima. Adess ‘l capitel ‘l è tornĂ t al so posto bel come la prima volta e da lĂ  el continua a vardĂ  chi che passa e chi che va a scalĂ  su ‘l crep de San Tomè.
Se ringrĂ thia duth chei che i Ă  da ‘na man, in te ‘n modo o ‘l'altro, pa tornĂ lo a portĂ  come cuarĂ nta Ă ni fa in modo particolĂ r: le nevode, Giani Zambon Rosìt, Rafaele Zambon Momoleti, Gigi Basso e Angelo Donzelli.

       
 
       
       
       





























































































Loading