Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
A volte te tigne cònt pal spinèl e la bot la perth par al therciòn.
A volte te crede de esse a ciavàl e no te so nincìa a piè.
Al ciàlt e el freìt, nessun i là mai magnàth.
Al fil e la gusèla, mantìn la poverèla.
Al temp, a lè una gran medesìna.
An bisèst an malthèst.
Bisogna tìgne cont dei schèi quàn che se li ciàpa. Quàn che no te li ciàpe,
e tocìa tigne cont par fortha.
Col temp e co la paìa se madùra ancia le nespòle.
El sol magna le ore.
I siòns i è parènth de le scorèdhe.
I althèi che gira de not no i è boìns de magnà.
La ciàrta se lassa scrive.
La roba vecìa la va in man dei mone.
La meravèia dura tre dis.
Le ore de la matìna le à l'oro in bocìa.
'Ntela vita chi fortuna, chi fortaìa.
'Ntela  vita chi se fa subito, chi se fa tardi, chi se fa mai.
'Ntela vita, unà che no se vol dì, tocia core.
Ogni cambiàda una brusàda.
Ogni bel bal, stufa
San Josef la sisìla passa sot el quèrt. Passa o no passa al freìt al ne lassa.
Se ciàpa pì mos'ce con una gòtha de  mièl che con un mar de aga.
Schèi fa schèi, pidòi fa ratha.
Tò e no mète càla le galète.
Un pare mantìn dièse fiòi, dièse fiòi no mantìn un pare.
Unà che se nàs de ogni erba un fass.
Una volta cor al ciàn, una volta cor al lièvre.
Val pi un pithòl risparmio che un grant guadagno.
Voìa o no voìa Pasqua la vin co la foia.
Alla sera campioni, alla mattina maccheroni.
Anno bisesto anno senza sesto.
Carta canta e villan dorme.
Chi ha tempo non aspetti tempo.
Chi spende poco, spende assai.
Chi semina vento, raccoglie tempesta.
Chi va piano, va sano e va lontano.
Fin alla morte, non si sa la sorte.
Il caldo delle lenzuola non fa bollir la pentola.
Il tempo e la morte rompe i disegni.
Impara l'arte e mettila da parte.
La goccia continua spacca la pietra.
Moglie e buoi dei paesi tuoi.
Ogni fiore alla sua stagione.
Un bel tacer non fu mai scritto.

Clelia
Loading