Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
Ancia sto an, a Dardac, magare un pòĉ in ritardo, la tradithiòn, de benedì le machine, l'è stada mantignuda. Na volta , fin a poci ani fa chi che l'aveva un trator, una falciatrice, i li feva benedì, ades in platha, se benedis altre che auto e motorins! Fin a una quarantena de ani fa vigneva benedit ancia le bestie, vacie, bo, mus e fede; la denth i le portava in platha e fora par la strada drio la glesia fin 'ntela crosera tra le vie della Chiesa e degli Artigiani. Sicome che 'ntele famee l'era pi de una bestia de solito vigneva portat a benedì chesle che l'era abituade a dì fora del stale o chele che le era pì bone e calme, chel'altre le restava 'ntel stale ma co le porte verte cussì, i diseva i veci, le podeva ciapà ancia lor la benedithiòn.La matina, de la dominia stabilida, dopo avele bin governade e bin stringade, (i le stringava fin che no le vigneva lustre!), i nostre contadins i partiva a benedile. Rivadi sul posto stabilit, i se meteva in fila e ognun al tigneva la so bestia pa la ciavetha e se qualchedunala se infastidiva i la calmava co la scuria. Sti omis, intant che i spetava al plevan i se contava dei lavori fati e de chei che i veva da fà durante l'inver, che l'era prossimo. Dopo la benedithiòn ognun co la so bestia al tornava a ciàsa dut content e par qualche dì la bestia benedida i la tratava meio de chele altre, invethe da dai altre che fen i deva ancia una grampa de medica. Aveit da savè che le bestie, stando fora del stale par una bona miedora ancia le sporciava la strada e cussì a l'era qualchedun che al deva a rincurà le buiathe pa dopo coltà i fiori a ciasa. Bestie a Dardac ormai no i ne pì, ma almanco la tradithion no l'è morta e speron che la continue anciamò par tanti ani, na volta se benediva le bestie a quatro giambe ades se benedis le machine a quatro rode!!
       
       










































Loading