Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
       
Sabato 8 settembre 2007 presso la sala consiliare del Municipio di Budoia è stata presentata la 40ma edizione della Festa dei Funghi e dell’Ambiente: una tappa significativa, la cui importanza è stata sottolineata dalla presenza tra le autorità convenute del vice governatore della regione Friuli Venezia Giulia  Gianfranco Moretton, dal presidente dell’Associazione fra le Pro Loco del Friuli Flavio Barbina e dall’Assessore regionale alle risorse agricole, naturali, forestali e montagna Enzo Marsilio.Dopo che il neo presidente della Pro Loco Alessandro Baracchini ha presentato il programma della festa, ha preso la parola il Dott. Angelini, micologo e uno dei responsabili dell’allestimento della 40a mostra micologica, che ne ha ricordato il lungo percorso, dalle prime pionieristiche edizioni fino ad oggi, sottolineandone anche la valenza culturale, sia nel mantenere viva la tradizione della raccolta dei funghi, elemento importante della cucina locale, sia dal punto di vista didattico.
La parola è poi passata al Direttore del Gruppo Folcloristico  Artugna, Lino Cadelli, che ne ha illustrato la storia in occasione del trentennale della fondazione. Dopo gli interventi di F. Barbina, del sindaco di Budoia Antonio Zambon e del vice governatore G. Moretton, si è proseguito con la premiazione del 2° Concorso Fotografico Memorial Marcello Missinato “Cartoline da Budoia”. Da notare che, accanto ai tre vincitori, appartenenti tutti a noti circoli fotografici friulani, ben tre  “dilettanti” di Dardago hanno meritato una segnalazione della giuria, presieduta dal padre del fotografo recentemente scomparso. A conclusione della mattinata un rinfresco con piatti rigorosamente a base di funghi preparato da membri dell’Associazione Provinciale  Cuochi F.I.C.  Pordenonese. Domenica 16 settembre, prima giornata della 40ma Mostra micologica regionale, nelle strade di Budoia si apriva la 10a Mostra mercato dei prodotti tipici con la presenza di numerosi stand di prodotti locali (vini, formaggi e olio) e di artigianato. Sono state aperte al pubblico nella stessa giornata anche la Mostra Fotografica e  la 33ma Rassegna Filatelica.
A Dardago nel frattempo si  celebrava il trentennale del Gruppo Folcloristico Artugna, affiancato per l’occasione da numerosi altri gruppi folcloristici della regione nell’ambito della XI Rassegna del Folclore Giovanile: arrivare in piazza a Dardago domenica mattina e trovarla gremita di gente e colorata dai costumi dei danzerini  che partecipavamo alla festa era uno spettacolo da non perdere. Venerdì 21 settembre una visita gradita: il presidente della Regione, Riccardo Illy,  è venuto a Budoia, alla Festa dei Funghi, intrattenendosi con  le autorità  locali, con gli alunni delle scuole, con alcuni anziani presenti e lasciandosi poi coinvolgere per una foto finale con i  danzerini del gruppo Artugna. Per domenica 23 il programma prevedeva la 35ma Marcia dei Funghi: dopo due edizioni funestate dal mal tempo, finalmente una calda giornata di sole. Più di 1200 marciatori si sono avviati lungo i percorsi preparati e segnalati con cura dai volontari della Pro Loco, mettendo a dura prova l’organizzazione che comunque ha fatto funzionare i vari punti di ristoro e controllo predisposti lungo il percorso in maniera perfetta.
La bella giornata ha consentito a tutti di apprezzare le bellezze dei nostri colli e di percorrere i vecchi sentieri, mantenuti in ordine perfetto dai volontari delle varie associazioni locali. Al termine della mattinata, tutti a pranzo al ristorante coperto della Pro Loco: forse per l’imprevisto numero degli afflussi l’organizzazione non è riuscita in questa occasione a sfamare tutti con tempestività, suscitando, unico neo in una giornata perfetta, critiche e lamentele.
Nel pomeriggio Budoia era comunque gremita di gente che si aggirava tra mostre e bancarelle dando dimostrazione di quanto questa manifestazione sia nota nella nostra regione e di quanto sia cresciuta nel tempo, rivestendo una importanza basilare nel propagandare le attività economiche, sociali e culturali che animano la vita della pedemontana.
       
       
       




















































































































Loading