Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
       
Pensate forse che Budoia sia un posto conosciuto solo da pochi? Niente di più sbagliato! In Slovenia è stata stampata una cartolina con tiratura limitata a soli 150 esemplari, e un francobollo in occasione della 42° Festa dei Funghi e dell’Ambiente.
Venerdì 11 settembre ha avuto inizio a Budoia la 42° festa dei Funghi e dell’Ambiente. Grazie al clima straordinariamente caldo e alle belle giornate la partecipazione è stata notevole, probabilmente anche per merito della buona musica e dell’ottimo menù che si poteva gustare al ristorante al coperto.
Nonostante la stagione secca, e quindi poco favorevole al proliferare dei funghi, la 42° Mostra Micologica Regionale ha avuto un buon risultato e lungo le vie del paese sono stati allestiti molti stand che ospitavano prodotti locali come vini, formaggi, dolci, funghi e prodotti di artigianato.
Per quanto riguarda la Mostra Fotografica in ricordo del fotografo Marcello Missinato, quest’anno alla 4° edizione, il tema era : “ Budoia, Dardago, Santa Lucia, angoli suggestivi”.
Domenica 20 settembre si è svolta, invece, la 37° Marcia dei Funghi, la manifestazione podistica non competitiva che si snoda lungo le nostre colline. I partecipanti possono scegliere fra tre diversi percorsi che si differenziano in base alla lunghezza e quindi sono alla portata di tutti. Il percorso più breve è di 6 Km e prevede un solo posto di ristoro; il secondo è di 12 Km e prevede tre posti di ristoro; il terzo, e più impegnativo, è di 25 Km e prevede cinque posti di ristoro. La bella giornata di sole ha fatto stabilire il record di partecipazione, ben 1413 podisti, ma anche il record di tè bevuto, più di 4 ettolitri, e di merendine consumate, più di 2000!!!
Riteniamo sia molto importante sottolineare il fatto che quest’anno molti sono stati i giovani volontari che hanno partecipato con tanta buona volontà alla buona riuscita della manifestazione, che vanno quindi ringraziati e invitati a continuare a fare in modo che le tradizioni dei loro paesi non vadano perse e dimenticate.
       
   
       
       
 
       
       
       
       




































































































































































Loading