Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
       
No sae se in qualche ciasa i à anciamò l’abitudine, la not del prin de novembre, da fa come che i feva una volta i nostre veci, ad ogni modo mi prove a contave, da che, che ai sentùt e da che, che ai vivùt da pithol, come che le famee de Dardac le passava la not dei morth. Dopo thena, almanco doi par famea i deva in thimitero a inpià i lumins, me vin in ment che la prima volta che soi dut co me pare, quan che son rivadi davanti al portel del thimitero soi restat co la bocia verta a vede duti sti lumins inpiath, ogni tomba l’aveva almanco un lumin e feva impression, col scur che l’era, vede dute ste flamele che le trimava. Dopo, fin quan che l’è restat l’abitudine, le famee le deva ‘ntel stale, qualche femena la restava ‘ntel fogher a cusinà le ciastegne, a boì, se l’era schei pa comprale, le patate mericane e a coie sora le bore thicie bone. Mi, che me ricorde, ‘ntel stale no soi mai dut, ormai, a la fin dei ani thinquanta, la denth la restava ‘ntei foghers o n’tele cusine, intant le ciampane le aveva scuminthiat a sonà da mort, me vin i grisui ancia ades a pensà chela not, le ciampane le vigneva tirade co le corde e le sonava duta la not,(al sonà da mort de una volta no l’era niencia lontan parent de chel che se sona uncuoi), de solito l’era fantath pleni de voia che, istruidi dal nonthol, i le sonava, e la denth ogni tant la deva a portà a chei dovins un poc de , patate mericane, sigarete, sgnapa e vin. Altre che ades che l’è ormai ani che la not dei morth no le sona pi, che le dae fastide a le recie de qualchedun?? o che no sea pi nessun che l’à temp da di a strucà i botons par fale sonà?? Ma continuon a contà, de solito al pì vecio o la pì vecia de la famea al tacava a dise al rosare pa i morth , duti reane co la corona in man, e dopo al rosare le litanie dei morth, dopo un altre rosare e dopo se ricordava par nome i morth de famea, me ricorde che le rathions le era dute in latin e che da chele bocie vigneva fora de chei stramboloth….. Se deva avanti cussì par un bel toc e, fra che l’era not, le ciampane che le sonava da mort e le litanie, nealtre canais aveane pura, ancia parchè i veci i diseva che chela not i morth del paeis i feva la procession e i passava par dute le strade e duti i cortifs e che l’ultin che l’era mort al portava al feral grant davanti a duth, parchel, fora de la porta de le ciase, vigneva metude le sece plene de aga in caso che sti rth i aves vut bisogn da beve, parchè i aveva ciaminat e i aveva anciamò da ciaminà tant. L’era una not triste, a qualche femena i vigneva le lagreme ‘ntel ricordase qualche defunto che i stava pì a cuor, ogni rur al feva pura e nessun, almanco fra i canais, al alsava mete al nas fora de la porta, parchè aveane pura de vede la procesion dei rth, e guai a chi che i l’aves veduda! Ma in mieth a duta sta atsfera stramba, che no la someava vera, rivava ancia al mento che se doveva magnà le ciastegne, patate mericane e thucie, aveit da savè che ste patate le vigneva magnade altre che in chista ocasion, e duti grains e pithui, intant che i magnava i se dismintiava che l’era la sera dei rth, anthi qualchedun par magnà a la svelta al se ingosava, tant che dopo al doveva beve un bel poc de aga pa desgormenase. I grains i therciava al vin nof, e al di dopo pi de qualchedun l’aveva brusor de stomego! Intant le ciampane le seguitava a sonà, ma l’era rivada ancia l’ora de di a dormì, e in chei tempi no duti i aveva, drento ciasa, le s’ciale par dì ‘ntele ciambre, chi che i le aveva fora oltre che le s’ciale i aveva da ciaminà ancia pal piol, me ricorde che nealtre canais, sempre par la pura che aveane de vede i rth, feane s’ciale e piol come i fulmini e che in quatro e quatroto reane sote le cuerte, se ingrumèane come i rithabars e, co tanta pura, ma un poc sodisfati parchè ancia chel an aveane magnat le patate dolthe e dopo poci minuti ciapeane sion , intant le ciampane le avarave sonat da rt par duta la not……… Cussì fin a una thinquantena de ani fa l’era la not dei rth a Dardac, ades no se se ricorda nè de la not e quasi quasi nencia del dì dei rth, se porta, par fasse vede, vasi e vasoni de crisantemi in thimitero, una netàda a la sveltina ala tomba dei siès, preà no se sa pì come che se fa e…… bisogna di avanti co la vita derna senò chi che resta indrio al vin rebaltàt e balegàt!!
       
       
































































Loading