Mappa del Sito
Home Page
Inizio Pagina
Pagina Precedente
 

A CHI RIMETTERETE I PECCATI SARANNO RIMESSI

Alleluia, Cristo è risorto! È veramente risorto! Cristo è risorto, alleluja! Nella liturgia di questa seconda domenica di Pasqua, la Chiesa ci propone due manifestazioni del Signore risorto; avvengono entrambe di domenica, nel Cenacolo, dove era riunita la comunità cristiana. La prima volta Tommaso è assente e non vuol credere alla testimonianza degli altri; lo ritroviamo la domenica successiva insieme agli altri e lì lo incontra. Cosa ci dice questo? Che incontriamo il Signore risorto nella Chiesa, nella comunità di Gesù, specialmente quando la domenica si riunisce insieme per celebrare l'Eucaristia! La fede "fai da te", della serie: credo a modo mio... mi confesso direttamente con Dio... è fasulla! È la Chiesa che mi trasmette la presenza di Cristo e la vita nuova in Cristo; la fede è relazione e richiede relazione!  La Chiesa è il luogo dove si può far esperienza del Risorto e della sua divina misericordia, specialmente attraverso un sacramento spesso ignorato: la Confessione. Cosa è il peccato? Un'offesa a Dio, una ferita inflitta al suo cuore, una trasgressione della Sua Parola; è un fallimento come persone, un limite alla nostra libertà e capacità di amare; è un danno inflitto agli altri, un disordine introdotto nel mondo. Che cosa comporta il peccato? Il distacco da Dio, come un ramo tagliato dal tronco e dunque la sua assenza dal cuore che determina la morte dell'anima. Passo dopo passo il cuore si indurisce e la volontà si indebolisce; tendiamo a diventare schiavi delle cose e dei modi sbagliati di fare. Ma io mi confesso direttamente con Dio, molti dicono. Sì, va bene l'esame di coscienza, ma per ricevere il Suo perdono devi andargli a chiedere scusa nella persona del sacerdote, che è lì per accoglierti, non per giudicarti, proprio come lo stesso Gesù disse a santa Faustina in una rivelazione privata: Sono Io che assolvo, che confesso e accolgo i peccati dei penitenti, attraverso gesti e parole del confessore.  D'altronde Gesù è stato chiaro no? A chi perdonerete i peccati saranno perdonati, a chi non li perdonerete resteranno non perdonati! E poi saper chiamar le colpe per nome è un atto di maturità, e ricevere l'assoluzione ci dà la certezza di essere stati perdonati, riconciliandoti non solo con il Signore, ma anche con gli altri, con la Chiesa che abbiamo ferito col nostro peccato. Ma io mi vergogno: coraggio, sa vergognarsi chi è umile e attento al suo cuore. E poi pensa: Dio i miei peccati già li sa, io ormai li ho già commessi, a che mi serve tenere questo marcio nel fondo del cuore? Sì, ma dirli al sacerdote non è facile... coraggio, li non c'è un giudice, ma un fratello che ti capisce, ti consiglia e poi dimentica tutto!  La Chiesa non è un'associazione, non nasce dalla stesura di uno statuto, ma da un atto di amore e misericordia di Dio; nasce dal suo coraggio, che non ha paura della nostra debolezza e del nostro peccato... La chiesa non è la comunità che non pecca, ma è la comunità perdonata dove si perdona il peccato. G. Chesterton, interrogato sul perché della sua conversione al cattolicesimo disse: "mi faccio cattolico per ricevere il perdono dei peccati". Aveva ben capito che la Chiesa è il luogo dove si celebra la misericordia di Dio nel sacramento della Riconciliazione... Il vero cristiano sa che essere Chiesa significa lasciarsi perdonare da Dio attraverso la Chiesa e i suoi ministri: e questo continuamente! (A. Comastri).

MERCOLEDI’ della seconda settimana di Pasqua
  9,30 MESSA PER INTENZIONE PARTICOLARE
VENERDI’ San Luigi Maria Grignion de Montfort, sacerdote
18,00 MESSA PER INTENZIONE PARTICOLARE
DOMENICA Terza di Pasqua
11,00 DEFF. ARCIVESCOVO AURELIO SIGNORA E FRATELLO
MARIO
DEFF. CARLON ELIO E ZAMBON MARIA ord. famiglia

OFFERTE: N.N. offre, per opere parrocchiali, €. 20.

 

MARTEDI’ San Marco evangelista
10,00 MESSA PER INTENZIONE PARTICOLARE
GIOVEDI’ della seconda settimana di Pasqua
18,00 DEFF. RIGO REGINA, PIETRO E ANTONIETTA
SABATO Terza Domenica di Pasqua
18,00 DEFF. CALDERAN ORNELLA E GIOVANNI
DOMENICA Terza di Pasqua
18,00 MESSA PER LE COMUNITA’ PARROCCHIALI

   

LUNEDI’ San Fedele da Sigmaringen, sacerdote e martire
18,00 DEF.TA FORT ANGELA ord. sorella Gilda
DOMENICA Terza di Pasqua  
10,00 DEF. ZACCARIA GRAZIANO
DEFF. SOLDA’ BRUNA, PASTORUTTI CLAUDIA E LORENZO
DEFF. ARNALDI CATERINA, PIERO, VINCENZO E MARIA
CHIARA                       

OFFERTE: Fort Gilda offre, per opere parrocchiali, €. 20.

   

FESTA DI SAN MARCO E ROGAZIONE DELLE LITANIE MAGGIORI
Martedì prossimo, 25 Aprile, festa di San Marco evangelista e giorno della Rogazione delle Litanie Maggiori ci troveremo presso la Chiesa di san Martino per la celebrazione della Rogazione e della S. Messa alle ore 10. Al termine rinfresco per stare insieme in allegria.                             
RIPULITO IL MURO DI CINTA DEL SAGRATO DELLA CHIESA PARROCCHIALE
In questi giorni, grazie all’interessamento di Zambon Espedito che ha finanziato l’opera, è stato lavato, ripulito e, in alcuni punti, sistemato il muro di cinta del sagrato della Chiesa Parrocchiale. Ora torna a splendere soprattutto nelle parti decorative.

   

DOMENICA DELLA DIVINA MISERICORDIA
Oggi, domenica ottava di Pasqua, ricorre la festa della Divina Misericordia, istituita dal papa San Giovanni Paolo II per esaudire un desiderio che Gesù espresse a Santa Faustina Kowalska per incoraggiare i cristiani ad aver fiducia nella misericordia di Dio e a celebrarla con preghiere, sacrifici e festeggiandola, in maniera particolare la domenica dell’Ottava di Pasqua. Ogni giorno alle ore 15 a Tele SAT 2000 sul canale 28 del Digitale Terrestre, c’è la recita della Coroncina della Divina Misericordia. Quanti possono vedano di seguire questa pratica molto raccomandata anche dall’attuale Papa Francesco.
GRAZIE DAL GRUPPO MISSIONARIO DEL SACRO CUORE
Il Gruppo Missionario del Sacro Cuore, con un biglietto affettuoso, ci informa che la Domenica delle Palme, nelle tre parrocchie sono stati raccolti, con la vendita di oggettini €. 750 che sono stati consegnati al vescovo Giuseppe in procinto di partire per il Mozambico dove li consegnerà a don Lorenzo Barro per la sua missione. Un grazie a tutti i donatori.
OBOLO PRO TERRA SANTA
Venerdì Santo scorso, durante i riti celebrati nelle nostre Parrocchie, sono stati raccolti complessivamente €. 415 per i cristiani che vivono in Terra Santa. Tale somma è stata consegnata per l’inoltro nella Terra di Gesù.

   


















































































































































































































Loading